sabato 19 aprile 2014

"Passeggiata guidata " Domenica 11 maggio 2014 - SULLE ORME DEI BORGIA

Domenica 11 maggio 2014
Sulle orme dei Borgia: il Rinascimento a Roma tra cardinali e cortigiane (da Via dell’Orso a Piazza di Ponte S. Angelo)
La passeggiata si snoda tra le strade del rione Ponte, dove gli edifici ancora esistenti testimoniano la vitalità di un tessuto cittadino che si sviluppò tra la fine del XV e il XVI secolo, con l’espansione della città in direzione del Vaticano, nuovo centro di potere. Qui si trovavano i palazzi dei cardinali e le locande per i pellegrini, le botteghe artigiane dei “paternostari” accanto a quelle dei conciatori, i palazzi gentilizi vicino alle dimore talvolta lussuose delle cortigiane più richieste, come quella di Fiammetta, la famosa amante di Cesare Borgia. Nelle stradine che si aprono sulla Via dei Coronari appaiono inaspettatamente le facciate dipinte e graffite che trasformarono la città nel Rinascimento in una vera pinacoteca a cielo aperto. Nei progetti dei papi che si susseguono dalla metà del 1400 in poi Roma è la “nuova Gerusalemme”, sede pontificia e luogo di devozione per le tante tombe e reliquie di martiri; ma la Chiesa è sempre più secolarizzata e i papi ricoprono a tutti gli effetti il ruolo di principi impegnati a fondare “dinastie” familiari. In questo senso i Borgia eccellono nel disegno politico volto a consolidare un vero e proprio regno sulla base di alleanze matrimoniali e guerre d’espansione. “O Cesare o nulla”, questo era scritto sulla spada del Valentino, figlio del papa, le cui imprese militari e la sua spregiudicatezza divennero il modello per la figura del “Principe” di Niccolò Machiavelli.
Appuntamento domenica 11 maggio ore 9.45 a Via Zanardelli di fronte al Museo Napoleonico.
Durata della passeggiata  ca. 2 ore
Pagamento sul posto.
Costo per la Guida e i radioauricolari: € 9,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,00 non Soci
PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; fax 0632650283; tel. 063202087 - 0632500420; cell. 3395852777 - 3397448084
L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al momento (€ 10,00 per l’anno 2014)

martedì 1 aprile 2014

Domenica 13 aprile 2014 - Passeggiata guidata "IL GHETTO E L'ISOLA TIBERINA"

Fra storia e leggende, la passeggiata si snoda nel cuore del rione S. Angelo. Il Ghetto costituisce un elemento fondamentale nella tradizione culturale e religiosa di Roma: dalla sua istituzione nel 1555, sotto papa Paolo IV Carafa, all'abbattimento nel 1870, esso rappresenta un nucleo essenziale per l'evoluzione del tessuto rionale circostante. Il portico di Ottavia, insieme al Teatro di Marcello e alle rovine del tempio di Apollo Sosiano, sono una delle aree archeologiche più interessanti della città. Ovunque sono visibili le costruzioni successive di epoca medievale e rinascimentale che si sono addossate e a volta letteralmente infiltrate negli antichi fornici o in alto sulla sommità del teatro, come è il caso della rocca dei Savelli. Accanto alle rovine monumentali dell'antichità, qui sorgono le dimore dei potenti Cenci e Santacroce, coinvolti entrambi in celebri delitti, e le miserevoli abitazioni degli ebrei forzosamente deportati nel "claustro". Attraverso la serie di bolle pontificie – ora più tolleranti altre volte restrittive – scorre la vita nel Ghetto, che si dota di strutture autonome e parallele a quelle della “Roma cristiana”. La storia tragica più recente dell’occupazione tedesca del 1943 e della deportazione degli ebrei ad Auschwitz è ricordata dalla targa laddove le SS ammassarono le famiglie rastrellate all’alba di quel drammatico 16 ottobre. Il Ghetto e il Tevere sono naturalmente legati: il fiume forniva cibo e acqua, ma causava periodicamente disastrose inondazioni. L’Isola Tiberina, in un certo senso, è l’appendice del Ghetto, con l’unica sinagoga clandestina rimasta attiva durante l’occupazione e l’Ospedale Israelitico. Da sempre gli ammalati si recavano sulla “nave di Esculapio” per ottenere dal dio della medicina la cura per i loro mali. La chiesa (di S. Bartolomeo), come frequentemente accade a Roma, sorge sul tempio (di Esculapio), e l’isola a forma di nave conserva ancora i frammenti della prua in travertino.

APPUNTAMENTO:  h 9.45 davanti al Portico d'Ottavia
Durata percorso: 2 ore e 1/2 - 3 ore

Pagamento sul posto.
Costo per la Guida e i radioauricolari: € 9,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,00 non Soci
PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; fax 0632650283; tel. 063202087 - 0632500420; cell. 3395852777 - 3397448084


L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al momento (€ 10,00 per l’anno 2014)

sabato 15 marzo 2014

"I palazzi invisibili - Palazzo Rondinini al Corso", 29 marzo


Sabato 29 marzo 2014

I palazzi invisibili - Palazzo Rondinini al Corso

Questa visita ci introduce i uno dei palazzi storici raramente aperti al pubblico, oggi sede dell’esclusivo Nuovo Circolo degli Scacchi. Appartenuto al marchese Giuseppe Rondinini, che ne curò l’ampia ristrutturazione nel 1762, il palazzo si presenta come uno dei rari esempi di arte rococò a Roma.
Grande cultore e collezionista d’arte, il marchese Rondinini modellò il palazzo secondo il gusto imperante nella corte francese a Versailles, dove le opere classiche dialogano con le graziose decorazioni a stucco e pregiati marmi insieme alla ripetizione delle svolazzanti rondini di famiglia.
Al suo interno si trovavano alcune delle opere più celebrate inclusa la famosa “Pietà Rondinini”, ultimo lavoro di Michelangelo scultore.
La visita offre anche l’occasione di ripercorrere la storia dei Circoli o “casini di conversazione” a Roma, derivati dai Clubs anglosassoni, ma diversi nella natura non privata e nel carattere semi-ufficiale e rappresentativo del ceto aristocratico.

Appuntamento: ore 9.40 davanti a Palazzo Rondinini, Via del Corso 518 (angolo Via Angelo Brunetti)
Durata della visita: 1 ora e ½ circa

NOTA BENE
- Non sono ammesse foto
- Non sono ammessi ombrelli o grandi borse


Costo per l’ingresso e la Guida: € 10,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,50 non Soci


PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; fax 0632650283; tel. 063202087 - 0632500420; cell. 3395852777 - 3397448084

giovedì 27 febbraio 2014

DOMENICA 16 MARZO 2014 - Palazzi e chiese “invisibili”: Palazzo Massimo alle Colonne e chiesa di S. Ivo alla Sapienza

DOMENICA 16 MARZO 2014
Palazzi e chiese “invisibili”: Palazzo Massimo alle Colonne e chiesa di S. Ivo alla Sapienza

Una volta all’anno le porte del palazzo Massimo alle Colonne si aprono al pubblico in ricordo del miracolo operato da S. Filippo Neri il 16 marzo del 1583, quando resuscitò per il tempo di una estrema unzione il giovane Paolo Massimo. La - ancora attuale - residenza dei principi Massimo è l’ultima realizzazione in architettura di Baldassarre Peruzzi e forse tra tutti i suoi progetti quello più singolare, con la facciata curva che una volta assecondava il tracciato stradale.
I Massimo sono stati una delle famiglie più legate alla città di Roma sia per la loro vantata mitica discendenza da Quinto Fabio Massimo che per il ruolo non sempre accondiscendente verso il potere del pontefice. All’interno di questa residenza si viene proiettati indietro nel tempo, entrando nel salone decorato da Daniele da Volterra con il fregio che descrive le gesta leggendarie e l’esaltazione della gens Fabia e nella cappella di palazzo, ove è un tripudio di reliquie di santi.
Non lontano dal complesso dei palazzi dei Massimo sorge la chiesa di S. Ivo alla Sapienza, visibile solo due ore a settimana. Quasi nascosta all’interno del cortile di quella che fu la prima università a Roma, sorge inaspettata S. Ivo, capolavoro di Francesco Borromini. La chiesa sembra essere un vero “organismo vivente”, con un “corpo” architettonico che sembra respirare, tanto partecipa con sporgenze e rientranze allo spazio che lo circonda. L’interno, poi, riserva la sorpresa di una pianta complessa, insieme al candore accecante che ricorda l’immagine di una colomba ad ali spiegate.

Appuntamento domenica 16 marzo, ore 9.45, a Piazza S. Pantaleo n°10 (davanti al Museo Barracco)
Durata visita: 2 ore circa

Costo per la Guida: € 9,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,00 non Soci.
Sono compresi i radioauricolari.
Pagamento sul posto (salvo che per gli “abbonati”).

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria, ma può essere effettuata al momento, al costo di € 10,00 per l’anno solare 2014 (in tal caso, si prega di arrivare con 15 minuti di anticipo)


Prenotazioni: all’indirizzo amicideltevere@unpontesultevere.com oppure ai tel. 063202087, 0632500420 – cell. 3395852777, 3397448084 – fax 0632650283

venerdì 7 febbraio 2014

Domenica 2 marzo 2014 - Visita guidata "Castel S. Angelo: da mausoleo a fortezza papale"

Il Castello, dedicato all'arcangelo Michele, accompagna da quasi duemila anni le sorti e la storia di Roma. Da tomba monumentale costruita per l'imperatore Adriano ad avamposto fortificato, da terribile carcere a splendida dimora rinascimentale, Castel S. Angelo rappresenta e incarna le vicende di Roma dove passato e presente si trovano indissolubilmente legati. La lunga e variegata storia dell'edificio, attraverso le tante trasformazioni, sembra emergere nel complicato intrico di sotterranei, logge, scale e cortili che costituiscono l'attuale assetto del castello.
Il periodo del Rinascimento ha lasciato testimonianze indelebili nelle decorazioni fastose dipinte dagli allievi di Raffaello per l'appartamento di
papa Paolo III Farnese, e il giovane Michelangelo è presente nella cappella progettata per il papa Medici Leone X. Nei secoli il castello ha ospitato forzosamente illustri personaggi come Benvenuto Cellini e il Conte Cagliostro, e tra tutti i monumenti romani è certamente quello che raccoglie al meglio le memorie di una città.
Appuntamento: ore 10.00 all'ingresso di Castel S. Angelo
Durata della visita: 2 ore circa
Costo per la Guida: € 9,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,00 non Soci
Sono compresi i radioauricolari, ove necessari per ragioni di intelligibilità legati al numero di partecipanti.

Da sommare il costo del biglietto: € 10,50 ordinario – € 7,00 cittadini U.E. fra 18 e 25 anni – gratuito cittadini U.E. under 18 e over 65 (altre riduzioni da http://www.castelsantangelo.com/info.asp)

Modalità di pagamento:
-          presso la nostra sede in Roma a Via Marianna Dionigi n°17, contattandoci anticipatamente (normalmente siamo presenti LUN-MER-GIO in orario 9.00-12.00, ma è meglio telefonare prima),
-          via bonifico (per chi non le avesse già, forniremmo le coordinate bancarie).

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria, ma può essere effettuata col pagamento della visita, al costo di € 10,00 per l’anno solare 2014.


Prenotazioni: all’indirizzo amicideltevere@unpontesultevere.com oppure ai tel. 063202087, 0632500420 – cell. 3395852777, 3397448084 – fax 0632650283

martedì 28 gennaio 2014

Sabato 8 febbraio 2014 - Visita guidata "Il potere, il collezionismo, lo sfarzo: Palazzo Colonna"

Entrando a Palazzo Colonna si viene trasportati indietro nel tempo in una delle residenze meglio conservate di una delle famiglie aristocratiche più potenti della città di Roma. Il palazzo sorge sui resti di un antico tempio dedicato a Serapide, ed è stato per 23 generazioni la casa-fortezza dei Colonna.  La gloria della famiglia Colonna raggiunse il suo apice nel 1571, quando l’ammiraglio Marcantonio Colonna fermò l’avanzata dei Turchi nella battaglia di Lepanto. Sulla volta della magnifica Galleria si dispiegano gli affreschi che illustrano la battaglia navale e il trionfo del comandante della flotta cristiana. Tra i tanti capolavori conservati nella Galleria spiccano il dipinto del Bronzino "Venere, Amore e Satiro", l’"Adamo ed Eva" di Francesco Salviati e il famoso "Mangiafagioli" di Annibale Carracci. Il Palazzo conserva, insieme alla quadreria, il mobilio e gli arredi originali del XVI e del XVII secolo. E' come se i Colonna si fossero assentati da poco, lasciando le fotografie e gli oggetti privati sui tavoli e sulle poltrone.
Appuntamento: sabato 8 febbraio ore 10.00 all'ingresso della Galleria presso Via della Pilotta n°17
Durata della visita: 2 ore circa
Costo per la Guida: € 9,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,00 non Soci
Sono compresi i radioauricolari, ove necessari per ragioni di intelligibilità legati al numero di partecipanti.

Da sommare il costo del biglietto: € 10,00, già scontatoci per gruppi (vogliate eventualmente comunicarci l’esenzione totale, consultando le categorie sotto riportate)

Modalità di pagamento (salvo le esenzioni, € 19,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 22,00 non Soci):
-          alla visita dell’1-FEB, per i partecipanti alla stessa (preavvisandoci, in modo da compilare anticipatamente le ricevute),
-          presso la nostra sede in Roma a Via Marianna Dionigi n°17, contattandoci anticipatamente (normalmente siamo presenti LUN-MER-GIO in orario 9.00-12.00, ma è meglio telefonare prima),
-          via bonifico (per chi non le avesse già, forniremmo le coordinate bancarie).

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria, ma può essere effettuata col pagamento della visita, al costo di € 10,00 per l’anno solare 2014.

BIGLIETTI DI INGRESSO GRATUITO:
- bambini fino a 12 anni (accompagnati da adulto pagante)
- Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza (con tesserino ufficiale)
- ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane (con tesserino annuale)
- guide turistiche (con patentino ufficiale)


Prenotazioni: all’indirizzo amicideltevere@unpontesultevere.com oppure ai tel. 063202087, 0632500420 – cell. 3395852777, 3397448084 – fax 0632650283

martedì 21 gennaio 2014

Sabato 1.2.2014 - Visita guidata "Le due anime delle Controriforma a Roma"

All’interno del complesso architettonico di Palazzo Pallavicini, sul colle del Quirinale, si trova il Casino dell’Aurora del primo decennio del 1600, che il cardinale Scipione Borghese fece erigere dall’architetto fiammingo Vasanzio sulle rovine delle antiche terme di Costantino.
Il padiglione a loggiato è formato da un ambiente centrale affrescato da Guido Reni con il carro dell’Aurora; il dipinto diventò ben presto il modello estetico di riferimento per tutti gli artisti classicisti. Nell’opera di Guido Reni rivive l’equilibrio formale e ideale della pittura di Raffaello, e questo costituisce una delle due anime  presenti nel movimento artistico del primo ‘600, mentre l’altra faccia è la rappresentazione del “vero secondo natura”, immagine della tragica realtà del Caravaggio.
La visita intende focalizzare queste due attitudini da parte degli artisti di spicco di un’età di passaggio, caratterizzata dall’austerità della Controriforma insieme al vagheggiamento di un “bello ideale”.
La tappa successiva ci porta nella chiesa di S. Agostino dove il sacro, rappresentato da Caravaggio nella “Madonna dei Pellegrini”, si veste dei panni contemporanei di una Madonna plebea che accoglie i due stanchi e miseri pellegrini in preghiera. Qui la fede degli umili, cari al Signore, indica il percorso che il cristiano deve intraprendere, quello dell’imitazione di Cristo, vera essenza del messaggio della Controriforma.

Appuntamento: ore 10.00 davanti all’ingresso del Casino Pallavicini, in Roma a Via XXIV Maggio n°43 (http://www.casinoaurorapallavicini.it/)

Costo per la Guida: € 9,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,00 non Soci
Sono compresi i radioauricolari, ove necessari per ragioni di intelligibilità legati al numero di partecipanti

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria, ma può essere effettuata al momento, al costo di € 10,00 per l’anno solare 2014 (in tal caso, si prega di arrivare con 15 minuti di anticipo)


Prenotazioni: all’indirizzo amicideltevere@unpontesultevere.com oppure ai tel. 063202087, 0632500420 – cell. 3395852777, 3397448084 – fax 0632650283

giovedì 19 dicembre 2013

Programma di visite e passeggiate guidate nel I° semestre 2014 - Anteprima "Il Rinascimento in Vaticano: Michelangelo e Raffaello a confronto"

Cari Lettori,
per ridurre la manipolazione di contante, nonché tempi e incombenze di registrazione contabile all’avvio di visite e passeggiate guidate, per il 2014 abbiamo previsto nuove formule, a fianco di quelle “tradizionali” per la nostra Associazione (con pagamento ad avvio visita/passeggiata).

Innanzitutto forniamo il programma per il I° semestre 2014 (salvo eventi eccezionali, maltempo, etc):
A) Sabato 18 gennaio ore 14.30 - Il Rinascimento in Vaticano: Michelangelo e Raffaello a confronto (scheda in calce – con biglietto)
B) Sabato 1 febbraio ore 10.00 - Le due anime delle Controriforma a Roma: il Casino dell’Aurora di Guido Reni e la “Madonna dei Pellegrini” di Caravaggio (scheda già disponibile)
C) Sabato 8 febbraio ore 10.00 - Il potere, il collezionismo, lo sfarzo: Palazzo Colonna (scheda già disponibile – con biglietto)
D) Domenica 2 marzo ore 10.00 - Castel S. Angelo (con biglietto)
E) Domenica 16 marzo ore 10.00 - Palazzo Massimo e chiesa S. Ivo alla Sapienza
F) Sabato 29 marzo ore 10.00 - Palazzo Rondinini (scheda già disponibile – con lieve sovrapprezzo)
G) Domenica 13 aprile ore 10.00 - Il Ghetto (scheda già disponibile)
H) Domenica 11 maggio ore 10.00Passeggiata Coronari sulle orme dei Borgia
I) Sabato 24 maggio ore 10.00 - Villa Medici (scheda già disponibile)
J) Sabato 7 giugno ore 11.00 - Convento di Trinità dei Monti (scheda già disponibile – con contributo al Convento)

Sarà possibile aderire fin d’ora all’iscrizione associativa annuale (che singolarmente richiede € 10,00) e alle 5 visite/passeggiate B, E, F, G, I al costo complessivo scontato di € 55,00, incluso quello dei radioauricolari ove necessari od obbligatori.
Verrà fornita una tessera su cui barrare le partecipazioni; detta tessera sarà utilizzabile anche da persone distinte dall’intestatario (per esempio nel caso di visite/passeggiate già svolte negli anni passati).
I possessori di detta tessera speciale verranno considerati già prenotati a priori alle 5 occasioni, ma, disdicendo con 5 giorni di anticipo, potranno utilizzare il “posto” in occasioni distinte da B, E, F, G, I; in ogni caso, faremo sempre il “giro” di conferme, ad evitare dimenticanze e perdita del costo già pagato di un turno di attività.

Ovviamente i Soci usufruiranno anche dell’abituale sconto a tutte le altre visite/passeggiate, sia del I° semestre sia del II° semestre.

In alternativa, l’abituale sistema di prenotazione e pagamento al momento, con iscrizione all’Associazione non obbligatoria.

Vi anticipiamo in calce la scheda per sabato 18 gennaio alle ore 14.30 (Il Rinascimento in Vaticano: Michelangelo e Raffaello a confronto): si tratta del periodo in cui non vi è fila per accedere a Musei Vaticani e Cappella Sistina, ma prevediamo il pagamento anticipato per acquistare direttamente i biglietti snellendo le procedure d’ingresso. Il costo è unificato per Soci e non Soci.
CI SI PUO’ GIA’ PRENOTARE A TALE VISITA (A INIZIO 2013 RAGGIUNGEMMO IN POCHE ORE IL TETTO MASSIMO DI POSTI DISPONIBILI PER GARANTIRE IN GRUPPO LA VISIBILITA’ DELLE OPERE E L’INTELLIGIBILITA’ DELLA GUIDA).

I migliori auguri per le prossime feste!
19-XII-2013
Il presidente, Giuseppe Maria Amendola
La coordinatrice, Angela Maria Castagna


SCHEDA 18 gennaio – Il Rinascimento in Vaticano: Michelangelo e Raffaello a confronto

Nel nucleo più antico dei Palazzi Vaticani si conservano i maggiori capolavori del  Rinascimento a Roma: le Stanze di Raffaello e la Cappella Sistina. Tutti e due i cicli decorativi sono legati indissolubilmente alla figura del Papa, guerriero e patrono delle Arti, Giulio II. Raffaello e Michelangelo, chiamati ad affrescare le Stanze e la Cappella privata del pontefice, concepiscono e realizzano delle opere molto diverse. 
Nelle Stanze, l’opera di Raffaello costituisce il punto più alto del classicismo cinquecentesco, nel senso di un ideale equilibrio estetico e morale e della totale identificazione tra mondo delle idee e mondo della realtà.
Michelangelo, con il suo spirito tormentato, affronta il tema della “Creazione” e del “Giudizio” ponendo l’Uomo, con la sua natura imperfetta, a confrontarsi con Dio. La personalità di Michelangelo uomo-artista emerge prepotentemente nell’interpretazione che dà delle sacre scritture, non sempre allineata con la posizione ufficiale dell’ortodossia cattolica; in particolare, la terribilità del Cristo giudicante del Giudizio lo avvicina al sentimento e all’idea espressi dal Protestantesimo. Da scultore, quale Michelangelo era, nella Sistina mostra una pittura di una novità esplosiva per concezione e per forma, che apre all’Arte la strada della modernità.

Appuntamento:  ore 14.30 davanti all’ingresso dei Musei Vaticani.
Durata della visita guidata: 2 ore e 30 minuti circa. Visita libera a seguire, fino alla chiusura dei Musei (http://mv.vatican.va/2_IT/pages/z-Info/MV_Info_Orari.html).

Costo del biglietto: € 16,00 (salvo riduzioni da comunicarci: http://mv.vatican.va/2_IT/pages/z-Info/MV_Info_Biglietto.html).
Costo per Guida e auricolare (obbligatorio): € 10,50 (Soci e non Soci)
Totale: € 26,50, da pagarsi anticipatamente (presso la sede dell’Associazione o via bonifico bancario).

La sede di “Amici del Tevere” è aperta in genere LUN, MER, GIO dalle 9.00 alle 12.00.

Viste temporanee assenze d’ufficio, si prega di telefonare anticipatamente ad uno dei seguenti numeri: 063202087 – 0632500420; 3395852777 – 3397448084. 

lunedì 25 novembre 2013

Assemblea dell'Associazione

In data 7 gennaio 2014 con inizio alle ore 10.00 presso la sede in Via Marianna Dionigi n°17 si svolgerà l'Assemblea dell'Associazione col seguente O.d.G.:
1. Approvazione del consuntivo 2013
2. Piano d'attività 2014
3. Rinnovo delle cariche statutarie
25-XI-2013
Il presidente
comm. prof. ing. Giuseppe Maria Amendola

sabato 2 novembre 2013

Visita guidata "I palazzi invisibili: Palazzo Rondinini al Corso", 16 novembre

Sabato 16 novembre 2013

“I palazzi invisibili”: Palazzo Rondinini al Corso

Questa visita ci introduce in uno dei palazzi storici raramente aperti al pubblico, oggi sede dell’esclusivo Nuovo Circolo degli Scacchi. Appartenuto al marchese Giuseppe Rondinini, che ne curò l’ampia ristrutturazione nel 1762, il palazzo si presenta come uno dei rari esempi di arte rococò a Roma.
Grande cultore e collezionista d’arte, il marchese Rondinini modellò il palazzo secondo il gusto imperante nella corte francese a Versailles, dove le opere classiche dialogano con le graziose decorazioni a stucco e pregiati marmi insieme alla ripetizione delle svolazzanti rondini di famiglia.
Al suo interno si trovavano alcune delle opere più celebrate inclusa la famosa “Pietà Rondinini”, ultimo lavoro di Michelangelo scultore.
La visita offre anche l’occasione di ripercorrere la storia dei Circoli o “casini di conversazione” a Roma, derivati dai Clubs anglosassoni, ma diversi nella natura non privata e nel carattere semi-ufficiale e rappresentativo del ceto aristocratico.

Appuntamento: ore 9.40 davanti a Palazzo Rondinini, Via del Corso 518 (angolo Via Angelo Brunetti)
Durata della visita: 1 ora e ½ circa

NOTA BENE
- Non sono ammesse foto
- Non sono ammessi ombrelli o grandi borse


Costo per l’ingresso e la Guida: € 10,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,50 non Soci

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; fax 0632650283; tel. 063202087 - 0632500420; cell. 3395852777 - 3397448084

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al momento (€ 10,00 per il 2013)

martedì 22 ottobre 2013

Visita guidata 27-OTT alla G.A.M. (ultima esposizione)

Domenica 27 ottobre 2013

“Legami e corrispondenze tra Arte e Letteratura” alla Galleria d’Arte Moderna di Roma Capitale

L’esposizione ha come tema le corrispondenze tra Arte e Letteratura nel ‘900 e si articola in sei sezioni, ognuna delle quali dedicata ad un autore che a Roma, dalla fine dell’Ottocento agli anni Sessanta del Novecento, soggiornò e lavorò in uno stretto intreccio di relazioni con gli artisti del tempo e in un continuo scambio di suggestioni.
I momenti salienti di questo complesso rapporto sono esemplificati da quei sodalizi intellettuali e relazioni che, sciogliendosi e ricomponendosi, hanno fortemente connotato intere stagioni dell’arte e della letteratura. La mostra vuole proporre al pubblico diversi spunti per una rilettura di quell’intenso periodo, suggerendo percorsi di facile lettura raccontati attraverso materiali iconografici di pitture e sculture, ma anche libri illustrati, riviste e testi poetici.
Gli autori di riferimento sono:
Gabriele D’Annunzio tra Simbolismo e Decadentismo,
Filippo Tommaso Marinetti e il Futurismo,
Massimo Bontempelli e il Realismo Magico nella dimensione più fantastica e onirica della realtà,
Luigi Pirandello e il teatro della realtà,
Giuseppe Ungaretti e la Scuola Romana - la lingua rinnovata - l’immagine di Roma tra sacralità e decadenza,
Alberto Moravia, dagli anni Trenta alla Contestazione.



APPUNTAMENTO:  h 10.00 all’ingresso della G.A.M. di Via Francesco Crispi n°24
Durata: 2 ore circa



Costo per la Guida: € 7,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 10,00 non Soci (bambini fino a 12 anni: gratis)
Biglietto d’ingresso: € 5,50 - Gratuito per over 65 e under 18

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; fax 0632650283; tel. 063202087 - 0632500420; cell. 3395852777 - 3397448084


L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al momento (€ 10,00 per il 2013)

lunedì 30 settembre 2013

Domenica 13 ottobre 2013 - Roma Rinascimentale: i palazzi cardinalizi, da Via Giulia alla Cancelleria

La passeggiata prende inizio dal grande asse viario aperto da papa Giulio II, Via Giulia, per poi inoltrarsi nel cuore di quello che è il quartiere rinascimentale di Roma.
Il nuovo umanesimo, unito al potere papale, trasforma la città, ne progetta i grandi rettilinei moderni e qui, nel rione Regola, sorgono i palazzi dei papi, dei cardinali, dei banchieri e dei mercanti accanto alle locande per i pellegrini.
Palazzo Farnese, la Cancelleria, Palazzo Spada sono centri di cultura di lusso e potere delle famiglie che fecero la storia della città e che lasciarono un'impronta indelebile nel tessuto urbano, attraverso la controverse vicende della Chiesa dell’epoca.
Nel contempo, intorno alla Curia pontificia si muoveva un mondo di semplici artigiani, banchieri, artisti e cortigiane, le cui abitazioni sono ancora visibili accanto a quelle dei potenti.
Si potranno visitare i cortili di alcune delle residenze cardinalizie come il Palazzo Spada, esempio perfetto di “palazzo parlante” con la sua ricca decorazione a stucco con soggetti tratti dalla storia romana e dai miti antichi. A poca distanza sorge la Cancelleria, dimora del cardinale Riario, che con la sua magnificenza voleva competere con il lusso degli appartamenti papali in Vaticano. Più modesti, ma ugualmente significativi, la residenza del cardinale Le Roy o il Palazzo Della Valle.
Alle spalle di piazza Navona, si conserva una delle poche facciate dipinte sul palazzo Massimo alle Colonne, testimonianza della tradizionale tecnica decorativa dei palazzi romani nel ‘500.

Appuntamento: Alle ore 10.00 a Via Giulia - altezza Ponte Sisto 
Durata passeggiata: 2 ore e ½ circa

Costo per la Guida : € 7,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 10,00 non Soci (fino a 12 anni: gratis)
€ 2,00 per gli auricolari, sopra le 15 prenotazioni

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria, ma può essere effettuata al momento, al costo di € 10,00 (in tal caso, si prega di arrivare con 15 minuti di anticipo)

Prenotazioni: all’indirizzo amicideltevere@unpontesultevere.com
Tel. 063202087 – Cell. 33958527773397448084

lunedì 27 maggio 2013

9 giugno 2013 - “Legami e corrispondenze tra Arte e Letteratura” alla Galleria d’Arte Moderna di Roma Capitale

L’esposizione ha come tema le corrispondenze tra Arte e Letteratura nel ‘900 e si articola in sei sezioni, ognuna delle quali dedicata ad un autore che a Roma, dalla fine dell’Ottocento agli anni Sessanta del Novecento, soggiornò e lavorò in uno stretto intreccio di relazioni con gli artisti del tempo e in un continuo scambio di suggestioni.
I momenti salienti di questo complesso rapporto sono esemplificati da quei sodalizi intellettuali e relazioni che, sciogliendosi e ricomponendosi, hanno fortemente connotato intere stagioni dell’arte e della letteratura. La mostra vuole proporre al pubblico diversi spunti per una rilettura di quell’intenso periodo, suggerendo percorsi di facile lettura raccontati attraverso materiali iconografici di pitture e sculture, ma anche libri illustrati, riviste e testi poetici.
Gli autori di riferimento sono:
Gabriele D’Annunzio tra Simbolismo e Decadentismo,
Filippo Tommaso Marinetti e il Futurismo,
Massimo Bontempelli e il Realismo Magico nella dimensione più fantastica e onirica della realtà,
Luigi Pirandello e il teatro della realtà,
Giuseppe Ungaretti e la Scuola Romana - la lingua rinnovata - l’immagine di Roma tra sacralità e decadenza,
Alberto Moravia, dagli anni Trenta alla Contestazione.


APPUNTAMENTO:  h 10.00 all’ingresso della G.A.M. di Via Francesco Crispi n°24
Durata: 2 ore circa


Costo per la Guida: € 7,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 10,00 non Soci (bambini fino a 12 anni: gratis)
Auricolari: € 2,00 a persona (sopra le 15 prenotazioni)
Biglietto d’ingresso: € 5,50 - Gratuito per over 65 e under 18

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; fax 0632650283; tel. 063202087 - 0632500420; cell. 3395852777 - 3397448084


L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al momento (€ 10,00 per il 2013)

lunedì 20 maggio 2013

Sabato 1 giugno 2013 - Visita guidata "Piranesi architetto: S. Maria al Priorato e l’Ordine di Malta"


S. Maria al Priorato e l’Ordine di Malta: estro, immaginazione ed enigmi in Piranesi architetto

Il Sovrano Ordine di Malta è il principale successore dell’antico Ordine dei Cavalieri Ospitalieri, fondato nel 1048, con il compito di difendere i pellegrini e i propri ospedali in Terrasanta.
All’interno della Villa del Priorato di Malta, sul colle Aventino, sorge l’enigmatica chiesa di S. Maria al Priorato, unico progetto architettonico realizzato da Giovanni Battista Piranesi nel 1766.
La chiesa è decorata con grande cura e raffinatezza e gli stucchi ripetono, dalla piazza antistante agli arredi del giardino, elementi simbolici come il serpente, la croce e la nave, insieme agli emblemi militari che alludono alla storia dell’Ordine.
All’esterno, la chiesa evoca un tempio romano, mentre la decorazione interna combina insieme la fantasia barocca con le citazioni tratte dalle memorie classiche.
Piranesi celebra il trionfo dell’antico come fonte di un inesauribile repertorio di segni che l’artista è in grado di decostruire e assemblare di nuovo grazie alla sua immaginazione.
L’inventiva creativa di Piranesi diviene, con la costruzione di S. Maria al Priorato, il segno tangibile di una nuova lingua espressiva.

APPUNTAMENTO:  h 9.30 in Piazza dei Cavalieri di Malta (sull’Aventino)
Durata: 2 ore circa

Costo per la Guida e l’ingresso: € 8,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,00 non Soci (bambini fino a 12 anni: gratis)
Auricolari: € 2,00 a persona (sopra le 20 prenotazioni)
PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; fax 0632650283; tel. 063202087 - 0632500420; cell. 3395852777 - 3397448084

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al momento (€ 10,00 per il 2013)

martedì 7 maggio 2013

Domenica 19 maggio - Passeggiata guidata "IL GHETTO E L'ISOLA TIBERINA"


Fra storia e leggende, la passeggiata si snoda nel cuore del rione S. Angelo. Il Ghetto costituisce un elemento fondamentale nella tradizione culturale e religiosa di Roma: dalla sua istituzione nel 1555, sotto papa Paolo IV Carafa, all'abbattimento nel 1870, esso rappresenta un nucleo essenziale per l'evoluzione del tessuto rionale circostante. Il portico di Ottavia, insieme al Teatro di Marcello e alle rovine del tempio di Apollo Sosiano, sono una delle aree archeologiche più interessanti della città. Ovunque sono visibili le costruzioni successive di epoca medievale e rinascimentale che si sono addossate e a volta letteralmente infiltrate negli antichi fornici o in alto sulla sommità del teatro, come è il caso della rocca dei Savelli. Accanto alle rovine monumentali dell'antichità, qui sorgono le dimore dei potenti Cenci e Santacroce, coinvolti entrambi in celebri delitti, e le miserevoli abitazioni degli ebrei forzosamente deportati nel "claustro". Attraverso la serie di bolle pontificie, ora più tolleranti altre volte restrittive, scorre la vita nel Ghetto, che si dota di strutture autonome e parallele a quelle della “Roma cristiana”. La storia tragica più recente dell’occupazione tedesca del 1943 e della deportazione degli ebrei ad Auschwitz è ricordata dalla targa laddove le SS ammassarono le famiglie rastrellate all’alba di quel drammatico 16 ottobre. Il Ghetto e il Tevere sono naturalmente legati: il fiume forniva cibo e acqua, ma causava periodicamente disastrose inondazioni. L’Isola Tiberina, in un certo senso, è l’appendice del Ghetto con l’unica sinagoga clandestina rimasta attiva durante l’occupazione e l’Ospedale Israelitico. Da sempre gli ammalati si recavano sulla “nave di Esculapio” per ottenere dal dio della medicina la cura per i loro mali. La chiesa (di S. Bartolomeo), come frequentemente accade a Roma, sorge sul tempio (di Esculapio), e l’isola a forma di nave conserva ancora i frammenti della prua in travertino.

APPUNTAMENTO:  h 9.30 davanti al Portico d'Ottavia
Durata percorso: 2 ore e 1/2 - 3 ore

Costo per la Guida: € 7,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 10,00 non Soci (bambini fino a 12 anni: gratis)
Auricolari: € 2,00 a persona (sopra le 20 prenotazioni)
PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; fax 0632650283; tel. 063202087 - 0632500420; cell. 3395852777 - 3397448084

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al momento (€ 10,00 per il 2013)

martedì 30 aprile 2013

Domenica 12 maggio 2013 - Visita guidata IL COLLE PALATINO: da “ab urbe condita” a residenza imperiale


Il Palatino è il colle che più di tutti conserva le memorie e le antiche vestigia di Roma. Il mito della fondazione della città voluta da Romolo indica il colle come il luogo prescelto ed è qui che durante i secoli dell’Impero si recintò l’area dove si trovavano i resti delle antiche capanne, prime abitazioni dei pastori romani.
Nel programma di “restaurazione” della tradizione romana voluta da Augusto, il Palatino venne eletto a residenza imperiale e continuò ad essere il “Palazzo” per antonomasia durante tutta l’epoca imperiale fino a Costantino. Qui sorgono le rovine monumentali del grande complesso della domus Flavia e la “casa di Augusto”, dove è possibile ammirare i preziosi affreschi, recentemente e pazientemente restaurati, dello “studiolo” dell’imperatore. Nel Rinascimento il colle divenne orto botanico e luogo di svago del papa Paolo III, e del XVI secolo si conservano ancora le uccelliere e la Loggia Mattei dipinta con soggetti astrologici.

Appuntamento: ore 9.30 davanti all’ingresso del Palatino in Via di San Gregorio n°30 (Portale del Vignola)
Durata: 2 ore e ½ circa

Prenotazione, ingresso e Guida: € 20,00 per i Soci, € 25,00 per i non-Soci (over 65: € 10,00 in meno in ambo i casi, con documento all’ingresso)
Considerato il “numero chiuso”, non è comunque previsto l’impiego di auricolari

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria (ma è effettuabile al momento, al costo di € 10,00 per tutto il 2013)

Tel. 063202087, 0632500420 – Cell. 3395852777, 3397448084

martedì 9 aprile 2013

Domenica 21 aprile 2013 - Visita guidata "Arte e Natura: Villa Torlonia, l'eclettismo a Roma"


Villa Torlonia è la più recente delle ville nobiliari romane, appartenuta alla famiglia che la acquistò nel 1797 per sancire la conquista del nuovo status acquisito.
Il parco è uno dei rari esempi di giardino paesistico all’inglese ed è disseminato di edifici e arredi artistici che ne fanno un eccezionale documento dell’arte eclettica tra fine ‘700 e inizio ‘900.
Tra le costruzioni spiccano per originalità la Casina delle Civette e il Casino Nobile. L’una fu residenza del solitario principe Giovanni Torlonia jr. fino al 1938, l’altra – un imponente edificio padronale in stile neoclassico – fu anche residenza privata di Mussolini, decorato all’interno con motivi di volta in volta diversi, in linea con quel gusto della citazione che caratterizza tutta la villa.
La Casina delle Civette, chiamata così per la presenza ossessiva del tema della civetta, rappresenta un “unicum” nel panorama artistico internazionale, per la ricchezza e la varietà delle vetrate prodotte dal laboratorio di cesare Picchiarini su disegni di Duilio Cambellotti, Vittorio Grasso, Vincenzo Bottazzi e Paolo Paschetto.
Dopo anni di abbandono e di incursioni vandaliche, il meticoloso restauro pluridecennale ha restituito integralmente alla città di Roma un complesso tra i più suggestivi e singolari del secolo scorso.

Appuntamento domenica 21 aprile ore 10,00 all’ingresso di Villa Torlonia a Roma, Via Nomentana n°70.
Durata della visita : 2 ore e ½ circa.

Costo per la Guida: € 7,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 10,00 non Soci (fino a 12 anni: gratuito)
Auricolari (sopra le 15 persone): € 2,00 per ciascuno
L’eventuale biglietto unico integrato per l’ingresso agli edifici: come dal sito sui <>


L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria, ma può essere effettuata al momento, al costo di € 10,00 per tutto l'anno (in tal caso, si prega di arrivare con 15 minuti di anticipo)


Informazioni  e  prenotazioni: Associazione AMICI DEL TEVERE  
cell. 3395852777 – 3397448084 ; tel. 063202087 - 0632500420